domenica, febbraio 25, 2007

Mini in USA: affissioni che parlano con il tuo portachiavi (RFID)

Questa settimana su Apogeo

Le affissioni personalizzate di Mini

Se guidi la popolare utilitaria BMW e hai il portachiavi Rfid, negli Stati Uniti i cartelloni pubblicitari pubblicano messaggi su misura per te.

L'articolo lo leggete qui

Voglia di rimettere le mani sul sito? Pensiamoci bene!

E' online la nuova puntata del mio corso di Internet Marketing per le PMI...

Voglia di rifare il sito? Meglio pensarci per bene Quando è opportuno rifare il sito? E su che basi impostare la nuova versione? Sono ormai passati quasi dieci anni dall'arrivo di Internet in Italia, o poco più. Ormai le aziende si sono adattate al fatto che avere una presenza in Rete è in molti casi una componente indispensabile del proprio business...

L'articolo lo leggete qui
Il pay per content fatturera' quasi 4 miliardi di Euro nell'Europa del 2010 ?

Ancora previsioni, da prendere con un paio di molle lunghe due metri.

Secondo uno studio della Commissione Europea, nel 2010 l'acquisto di contenuti a pagamento online generera' un fatturato complessivo di 3,8 miliardi di Euro – con una crescita del 400% rispetto al 2005.

Oltre il 50% del fatturato sara' fatto da contenuti musicali (leggi iTunes?) e da videogiochi (vedi alla voce World of Warcraft).

A questo aggiungiamo che molto probabilmente entro 5-10 anni giornali come il NY Times dovrebbero rifocalizzare pesantemente l'interesse dalla carta all'online... e che di sicuro in Rete le notizie non le regaleranno...

mercoledì, febbraio 21, 2007

Il Guerilla Marketing è un Low Cost?

Noto che spesso viene dato per scontato che il GM sia una iniziativa di Marketing necessariamente Low Cost. Anche se spesso è così, non è questa la base della tecnica.

L'idea dietro il Guerilla Marketing non è quella di spendere poco ma quella di amplificare il risultato. Sfruttare il potenziale dirompente dell'evento perchè i Mass Media lo riprendano e ne parlino al mondo – generando un potenzialedi comunicazione dal valore (monetario) estremamente elevato.

Infatti, se faccio un evento anche straordinario, ma colpisco solo 100 persone e nessuno riprende la notizia, non è che il mio business vada molto più lontano.

Potenzialmente anche i blog si prestano alla diffusione della notizia, ma è indubbio che vederlo al telegiornale in prime time, spesso il nostro GM fa tutto un altro effetto...;-)

Un ottimo esempio, tratto dalla mia personale Hall of Fame: l'evento di Mini che ha piazzato le proprie automobili piantate sugli spalti come spettatori, all'interno dello stadio americano dove si giocava la partita del lunedì sera di Football, trasmessa in diretta dalla TV. Un evento di grande audience, un evento di grande budget, un colpo di mano spettacolare... ma non certo economico.

In Spagna la Televisione fa più pubblicità che programmazione

O quasi.

Mentre da noi ci scanniamo per rispettare la libertà imprenditoriale o la salute mentale degli spettatori a colpi di tetti pubblicitari e affollamenti, in Spagna nel 2006 le emittenti televisive (con l'eccezione di Antena 3) hanno aumentato lo spazio dedicato alla pubblicità di un bel 25%

Qui in Spagna la pubblicità mi semba essere un business stratosferico. Non è infati necessario un buon livello di creatività (si vedono di quelle robe...), le tariffe sono in crescita, si aumentano gli spazi pubblicitari nella programmazione e le aziende sembrano felici di cacciare la lira per essere all'interno di break pubblicitari di 20 minuti, senza nemmeno l'esclusività merceologica (vedi il mio post preecedente)

sabato, febbraio 17, 2007

Mobile blogging in alta montagna

A partire da domani partira' il mio esperimento di mobile blogging in ambiente alpino, voglio dire pirenaico.

(traduzione: porto la famiglia in settimana bianca e in albergo pare non ci sia Internet - quindi dovro' vedere di collegarmi con il cellulare....)

Che S.Isidoro di Siviglia (patrono o patronabile di Internet) me la mandi buona...
Questa settimana su Apogeo...

Misure al laser contro l’anoressia

In Spagna governo e industria tessile si mettono d’accordo per rifondare il sistema delle taglie e promuovere un’immagine femminile meno pericolosa anche attraverso la normalizzazione della popolazione spagnola...

8.500 donne, di età compresa tra i 12 e 70 anni saranno misurate con il supporto della più avanzata tecnologia antropometrica... avranno la loro immagine captata in tre dimensioni da un laser...

...Costruendo di conseguenza un database in cui collocare i vari segmenti antropomorfici della popolazione e permettendo di arrivare a significative medie di misura per fascia che verranno tradotte nelle nuove taglie. Adottate in maniera uniforme dai produttori.

Il resto dell'interessantissimo articolo (se non fosse chiaro, scritto da me) lo leggete qui

venerdì, febbraio 16, 2007

Il cartello della telefonia mobile colpisce in Spagna?

Notiziola Flash: visto che il governo spagnolo ha proibito la fatturazione al minuto agli operatori di telefonia mobile, inmponendo la fatturazione al secondo, questi hanno reagito di concerto aumentando di botto le tariffe.

Della serie, governo o no, di qui devi passare e devi pagare. Salato.

Una voce fuori dal coro, il nuovo operatore Yoigo (dietro c'e' tra gli altri, la scandinava Telia Sonera) che dopo un lancio fruttuosissimo dei suoi servizi a Dicembre pare stia adesso di nuovo facendo clienti a camionate, puntando molto in comunicazione proprio sull'essere l'unico a non aver aumentato i prezzi.
La lucciola brasiliana si promuove con l'iPod

Notizia di quelle da dare con le pinze, per non scivolare in facili cadute di stile... cercando di andarci lievi, porto alla vostra attenzione l'iniziativa di comunicazione dell'azienda brasiliana Mclass, specializzata nell'offrire servizi di intrattenimento.

Questa azienda ha deciso di promuovere i propri servizi ( o piu' precisamente, i servizietti delle proprie dame di compagnia) attraverso brevi video di 4 minuti in formato ipod video, scaricabili dal proprio sito web.

In questi video (come e' facile immaginare, abbastanza soft) le ragazze si presentano in brevi interventi di tre-quatto minuti.

In sei mesi dal lancio, il sito e' arrivato a oltre 50.000 visitatori giornalieri.Noi no, essendo dei bravi ragazzi, non lo andremo a visitare...

martedì, febbraio 13, 2007

Ancora su Bud.tv

Questa volta non ne parlo io ma Advertising Age (avranno copiato dal mio blog?)

Bud's Walled Beer Garden: A Review of Bud.tv
A-B's Foray Into Media Ownership Is Innovative, but Exists in Isolation

L'articolo lo leggete qui

domenica, febbraio 11, 2007

Mancano pochi giorni a Bologna...

Vi ricordo l'evento bolognese del 2 Marzo cui parteciperò come relatore:

e-commerce: legge, fisco e marketing - Giornata di studio di carattere interdisciplinare

Bologna, Archiginnasio, Sala dello Stabat Mater, Piazza Galvani, 1 (9.30-18.30)

La giornata di studio si propone di fornire ad imprenditori e professionisti il quadro generale della disciplina giuridica e fiscale del commercio elettronico, offrendo spunti per l'implementazione dell'attività telematica, mediante le più moderne soluzioni di web marketing.

Argomenti trattati
  • La rete e il suo funzionamento.
  • Realizzazione e gestione strategica del sito internet aziendale e professionale
  • Web marketing e potenziamento dell'attività
  • Il commercio elettronico come centro di una rivoluzione aziendale e professionale
  • Le principali decisioni e le implicazioni giuridiche
  • Le fonti normative di riferimento
  • Il sito internet. Struttura, pagine interne, link. Gli strumenti per la visibilità
  • La vendita Business to Business (B2B)
  • La vendita Business to Consumer (B2C) e la tutela dei consumatori
  • Le condizioni generali di vendita on line. Clausole fondamentali
  • La formazione del contratto telematico. Luogo e momento della conclusione del contratto
  • La disciplina del documento informatico e delle firme elettroniche
  • L’esecuzione dei contratti telematici. Strumenti di pagamento on line
  • Legge applicabile e giurisdizione competente
  • La fiscalità del commercio elettronico
  • La stabile organizzazione
  • L'applicazione dell'IVA
  • Le spese per la realizzazione e la gestione del sito internet
Per altre informazioni ed iscrizioni ( il convegno è a pagamento, ma costa solo 150 Euro + IVA) qui trovate il sito
Questa settimana su Apogeo...

Nel mio articolo settimanale parlo dei nuovi siti di sharing... solo che questa volta non si tratta di video, musica o files: qui si condividono i PowerPoint.

La collaborazione in formato ppt

Una nuova generazione di applicazioni del web collaborativo puntano su un modello di condivisione basato sui file di PowerPoint. Dalle presentazioni aziendali ai corsi di formazione, alle narrazioni strutturate in slide

L'articolo lo potete leggere qui


La Televisione mia me la faccio io...(e parliamo di una grande marca)

Torniamo sul trend che abbiamo esaminato nelle settimane scorse: quello delle aziende / marche che invece di usare i contenuti di altri in Televisione, si fanno i propri.

Ovvero le aziende che diventano produttrici di content per i mezzi, per bypassare cosi' il fatto che la pubblicita' televisiva diminuisce il suo effetto ( si vedano i post precedenti).

Ma c’è chi va già ancora più lontano, lavorando per una TV totalmente brand-owned. Il caso forse più eclatante è quello di BudTV, un emittente televisiva (per ora solo online) multicanale - controllata da Anheuser-Busch, il produttore della nota birra Bud.

In partenza dal mese di Febbraio, offre reality, programmi di intrattenimento, sport e contenuto prodotto dagli utenti stessi; si configura come un importante mezzo di comunicazione per la marca ma potrebbe aprirsi anche ad altre aziende interessate a sfruttare pubblicitariamente questo mezzo, orientato su un segmento demografico molto interessante.

E’ invece già da qualche tempo attivo nel Regno Unito il canale televisivo privato di Audi – questa volta diffuso su satellite.

A differenza di quanto successo alla nascita di Internet, le tradizionali agenzie di pubblicità non sembrano disposte a perdere questo treno. Stressando il rapporto di amore/odio che intercorre tra agenzia di pubblicità e emittente TV.

Le Agenzie sembrano proprio determinate a recuperare le revenue a rischio (se declina il classico spot), visto anche che nella storia della Televisione i primi show furono proprio creati dalle agenzie, le uniche in grado di ideare e produrre nuovi contenuti di corta durata senza i lenti meccanismi delle Major cinematografiche – affidando quindi alle reti televisive l’esclusivo compito di trasmettere il programma fatto da cliente ed agenzia (ad esempio, le “soap opera”).

Reimpossessatesi dagli anni '60 del tema della creazione, i network televisivi sembrano piuttosto restii a ridarlo in outsourcing non solo ai creatori di format ma a restituirlo anche alle agenzie stesse e agli investitori pubblicitari – ma saranno probabilmente costrette a accettare la tendenza se continueranno i dubbi sulla forza dei tradizionali spot...



martedì, febbraio 06, 2007

Nuova puntata del corso di Marketing Online per le PMI

Questa volta parliamo di come presentare sul sito il proprio portafoglio prodotti...

...Per noi ha senso parlare dividere il nostro portafoglio prodotti in gamme e linee – mentre per il potenziale cliente la visione del mercato potrebbe essere diversa – e quindi portarlo a trovare con difficoltà il prodotto che cerca sul nostro sito, o a vederlo incasellato in una logica che lo convince poco....

Ecco il link
Qualche altra segnalazione per lo studio e l'aggiornamento...

Qualche altro sito che può essere utile per la formazione continua:

Guerilla marketing ( gmarketing)
Articoli sul Marketing (the webseye)
entrepreneur.com
B2B Online
World Advertising Research Centre
Marketing Warfare Strategies

Messaggio promozionale: potete ovviamente contattarmi per utilizzarmi come formatore di Marketing - sia nei corsi che svolgo con LRA e altre società di formazione, sia su progetti ad hoc per la vostra azienda. Se interessa, parliamone... o visitate l'apposita sezione del mio sito

Posso inoltre fornire ai clienti un supporto per verificare la possibilità di ottenere finanziamenti per la formazione...

Disclaimer: io, in occasioni diverse, ho trovato utili questi siti e li ho messi tra quelli che consulto - più o meno regolarmente. Non mi prendo pero' nessuna responsabilità... del resto anche il marketing e le fonti di informazione... vanno un po' a gusti.
Nuovo Cliente a Barcellona: Atrica

Un nuovo cliente ha deciso di scegliermi.

Si tratta di Atrica: un hub di agenzie di comunicazione che coprono dalla comunicazione tradizionale a quella digitale passando per gli aspetti creativi per arrivare a quelli produttivi realizzati in house (dal sito web allo spot televisivo...).

Per Atrica lavorerò come consulente, occupandomi in outsourcing degli aspetti di sviluppo strategico dei progetti di comunicazione per i loro principali clienti, seguendo aspetti di marketing e strategia.

Anche a loro, un sentito grazie per la fiducia!

sabato, febbraio 03, 2007

Mestruale, Virale...maschile

Il marketing virale è ormai diventato adulto e mainstream, tanto che viene sempre più frequentemente adottato da aziende del calibro di Procter & Gamble.

La multinazionale ha recentemente lanciato un’azione virale/undercover attraverso la pubblicazione sui quotidiani di “piccoli annunci” (del tipo di quelli di Secondamano o Porta Portese, per intenderci) che ponevano una inquietante domanda: “Uomo, soffri tu di dolori mestruali?”.

L’annuncio reclutava volontari per uno studio clinico condotto da un fittizio centro di ricerca medica che stava investigando la sindrome.

Questi annunci di reclutamento invitavano i lettori a dirigersi al sito www.menwithcramps.com dove piano piano si scopriva il trucco, o quasi.

Il tutto a supporto del lancio dei cerotti / patch antidolorifico-mestruali Therma Care.

Ad integrazione sono stati sviluppati anche alcuni video (virabili) che spiegavano come grandi uomini del passato (da Shakespeare a Michelangelo) fossero in realtà portatori di questa sindrome.

Alla base dell’operazione, un sano ragionamento strategico ed un po’ di ricerca di mercato: a quanto pare negli USA (ma non solo lì ) esiste un rilevante numero di donne che desidererebbe ardentemente che gli uomini potessero provare cosa vuol dire soffrire di dolori mestruali…

Budget dell’operazione poco sopra i 700,000 dollari.

Approfondimento...

NY Times
Internet sopprime la carta stampata....almeno per il quotidiano più antico del mondo

Credo nessuno sappia che il quotidiano più antico del mondo è il Post Och Inrikes Tidningar.

Non me la sento di biasimarvi, dato che in primis è svedese e in secundis tratta solo content di nicchia. E’ infatti una pubblicazione ufficiale che pubblica annunci governativi o aziendali, dichiarazioni di bancarotta e altre robette leggere di questo tono.

Nata nel lontano 1645, ha deciso di sospendere le pubblicazioni cartacee dal 1 Gennaio di quest’anno e di passare totalmente online.

Segno dei tempi. E del taglio di costi.

Comunque, per rispetto all’antica tradizione, verrá mantenuta una limitata tiratura su supporto fisico: verranno infatti stampate quotidianamente su carta una manciata di copie del sito, affinchè possano essere inviate, come da radicato costume, alle biblioteche delle università svedesi...

(Nota al terzo posto della classifica dei quotidiani più antichi sta la Gazzetta di Mantova - questa però continua con la carta...)
Questa settimana su Apogeo...
(il mio articolo settimanale)

Il mio regno per un file sharing

Nazioni piccolissime, al di fuori dalle acque territoriali oppure secessioniste. Immuni alle leggi sul diritto d’autore, potrebbero essere il luogo ideale per stabilire attività di P2P illegale. E se il candidato ideale fosse proprio l'Italia?

L'articolo lo trovate qui